HomeAfghanistanHo ricevuto il premio della Fondazione Luchetta

Ho ricevuto il premio della Fondazione Luchetta

Autore

Data

Categoria

Fondazione Luchetta
Fondazione Luchetta

Ci sono giorni in cui accadono cose che non ti aspetti e che non sei nemmeno convinto di meritare. Oggi è una di quelle giornate. Mi è stato assegnato il premio speciale della Fondazione Luchetta.

La Fondazione assiste bimbi malati provenienti da zone di guerra e porta il nome di Marco Luchetta, giornalista della Rai ucciso a Mostar da una granata assieme a Alessandro ‘Sasa’ Ota e Dario D’Angelo il 26 gennaio del 1994 durante il conflitto nella ex-Jugoslavia.

Il Premio (che non è giornalistico) mi viene assegnato per il mio lavoro sul campo di questi anni, dalla parte degli ultimi, e in particolare per la storia di Amir e sua madre, che potete rileggere e rivedere qui.

ECCO LA MOTIVAZIONE DEL PREMIO

Va al giornalista Nico Piro, da oltre tre decenni in prima linea per un’informazione capace di restituire voce e dignità alle donne e agli uomini dimenticati del pianeta – a cominciare dal popolo afghano, – il Premio Speciale Luchetta 2021, annualmente conferito dalla Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin alle personalità che si sono distinte nella valorizzazione degli ideali che l’hanno generata e guidano la sua attività.
«Il Premio Speciale va quest’anno a Nico Piro perché, nonostante tutto e tutti, lottando con una caparbietà e una tenacia che sono tratti distintivi del suo carattere, è riuscito a traghettare in un porto sicuro una mamma e il suo bambino e perché nei suoi servizi, sempre dalla parte degli ultimi, ci ricorda come questo mestiere possa essere un impegno civile e morale – ha spiegato la presidente della Fondazione, Daniela Luchetta –– Grazie a lui, infatti, è stato possibile assistere un bimbo afghano approdato nel campo profughi di Lesbo, successivamente affidato alle cure mediche predisposte con l’intervento della Fondazione Luchetta. Persone come Nico Piro – sottolinea ancora Daniela Luchetta – ci ricordano che, nel mondo, ognuno di noi deve scegliere da che parte del campo vuole giocare la sua partita. Ringraziamo Nico Piro per non avere girato le spalle al dolore e alla sofferenza di un bimbo e della sua mamma».
Nico Piro, nel tempo, è diventato voce di riferimento per il racconto del “caso Afghanistan” e della sua evoluzione: questione alla quale ha dedicato due libri – nel 2015 “Afghanistan: Missione Incompiuta” (Lantana) e alla fine del 2019 “Corrispondenze Afghane. Storie e persone in una guerra dimenticata” – e che gli è valsa il conferimento del Premio Cutuli nel 2020.

DAL COMUNICATO DEL PREMIO LUCHETTA
La proclamazione de Premio Speciale Luchetta è ancora una volta preludio alla consegna del Premio giornalistico internazionale Marco Luchetta, giunto alla sua 18^ edizione, in programma a Trieste dal 15 al 17 ottobre 2021, con la consegna dei riconoscimenti assegnati dalla Giuria presieduta dal giornalista Alberto Matano. Il Premio Speciale Luchetta è nato nel 2007, con la prima edizione assegnata all’inviato Ettore Mo.

Nelle successive edizioni sono stati premiati Vittorio Zucconi, Piero Angela, Dorotheé Ollieric – France2, Margherita Hack, Ernesto Caffo per i 25 anni di Telefono Azzurro, Francesco Tullio Altan. Simone Cristicchi, Giovanna Botteri, e ancora nel 2016 il Premio è stato assegnato alla memoria di Giulio Regeni, nel 2017 al Progetto Corridoi Umanitari della Comunità di S. Egidio – Federazione Chiese Evangeliche – Tavola Valdese, nel 2018 a Radio Siani, nel 2019 a Riccardo Iacona e nel 2020 alla Senatrice Liliana Segre.

Info e aggiornamenti premioluchetta.com fondazioneluchetta.eu

Nico Piro, inviato del Tg3, lavora come giornalista dal 1989. Si è occupato nel tempo di aree di crisi e zone di guerra cercando d dare voce agli ultimi. Per il suo lavoro ho ricevuto: il Premio Maria Grazia Cutuli (2020), il Premiolino (2017) per la copertura delle elezioni americane e come pioniere del mobile journalism in Italia – il Premio Alberto Jacoviello (2016) – il Premio Giancarlo Siani (2011) con la redazione di 3d News per il racconto della storia di Angelo Vassallo, sindaco-pescatore ucciso dalla criminalità organizzata in provincia di Salerno. – il Premio Guido Carletti (2010) per lo speciale “La Trappola” girato tra i profughi afghani in Grecia – il Premio Paolo Frajese (2009) per la copertura (unico inviato della Rai a Kabul) della strage del 17 settembre – il Premio Marco Luchetta (2009) per il reportage “Un calcio alla fame” girato in Sierra Leone. – il Premio Ilaria Alpi (2008) per il miglior servizio da telegiornale, con un pezzo su una battaglia tra talebani e militari statunitensi nella valle di Korengal (con il collega Gianfranco Botta, tco del Tg3). – la menzione speciale al Premio Anello Debole (2007) per lo speciale “Kabul, anno nuovo” (realizzato con il collega Mario Rossi, tele cineoperatore del Tg3). E’ il direttore e l’ideatore di MOJO ITALIA, il primo festival del Mobile Journalism in Italia.

Ha pubblicato per Castelvecchi: “Come si produce un Cd-Rom” (1997) e “Cyberterrorismo” (1998); Nel 2015 è uscito il libro “Afghanistan: Missione Incompiuta” (Lantana). Alla fine del 2019 è uscito il seguito, intitolato “Corrispondenze Afghane. Storie e persone in una guerra dimenticata” (ottobre 2019). In questo libro ci sono le voci e le storie di persone che vivono in mezzo ad un feroce conflitto tra disperazione, sorprendente resilienza e voglia di guardare al futuro.

È stato selezionato come finalista al Premio Alpi nel 2011, al Premio Luchetta nel 2016 e nel 2018 Il suo documentario, autoprodotto, “KILLA DIZEZ – Vita e morte al tempo di Ebola” (6/2015) è stato proiettato in festival ed eventi in tutto il mondo. Tra gli altri riconoscimenti ha ricevuto il premio “Best Emerging Filmaker” al TAFF – The African Film Festival di Dallas, Texas, nel luglio 2016. Il suo corto “Today I will live” (“Oggi voglio vivere”) sul conflitto afghano è stato premiato al Dublin Smartphone Film Festival (2021) e al Mobile Journalism Award di Berlino (2020). Nel 2020 è stato presentato il suo documentario, autoprodotto, “Un Ospedale in Guerra” dedicato all’ospedale di Emergency a Kabul.

2 Commenti

  1. Floriana De Michele
    21 Settembre 2021 At 20:42
    Il tuo commento è in attesa di approvazione
    Vale sempre la pena salvare un bambino con la sua mamma e soprattutto vale la pena saper raccontare la realtà proprio quando essa è brutta per potersi salvare . Premio meritato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Nico Piro

Provo a dare voce a chi non ha voce, non sempre ci riesco ma continuo a provarci. Sono un giornalista, inviato speciale lavoro per... continua a leggere

Il mio canale Vimeo

Il mio profilo Instagram

Error decoding the Instagram API json