Home disabilità Siamo nel 2020 ma non sembra

Siamo nel 2020 ma non sembra

Autore

Data

Categoria

Oggi #3dicembre è la #giornatamondialedelladisabilita a cosa potrebbe servire dell’ennesima giornata che ti fa dire…”ogni giorno ce n’è una…” ?
Magari ad aprire un dibattito vero in Italia, dove siamo rimasti alla concezione ottocentesca del disabile come soggetto da assistere non da integrare.
L’assistenza diventa vessazione perchè il disabile deve affrontare un’immane e costosa burocrazia, la quale fa di tutto per limitarlo ancor di più tra medicina difensiva (chi firma si tutela) e il tentato stop alle truffe (una barzelletta…se solo si guarda solo all’abuso dei contrassegni di sosta in giro per la città).
Nel mondo del lavoro le cose non vanno meglio, in Italia non esiste il valore della diversità. Per le aziende il disabile è un numero che serve a fare quota rispetto ad obblighi di legge (“categorie protette” nome che già di per sé dice tutto) non fonte di altri punti di vista e potenziale arricchimento per il corpo aziendale.
Se si guarda ai servizi offerti dai privati siamo persino peggio. Per esempio, ormai in ogni bar trovate cornetti per #vegani e #celiaci ma è molto più difficile trovare una rampa per superare i gradini o il gradino d’ingresso a quello stesso bar.
Lo spazio pubblico, per esempio a #Roma la capitale, è poi un disastro per tutti figurarsi per i disabili. Le strisce guida per i ciechi servono a far scivolare chi ci passa sopra. I posti di sosta sono occupati. La metropolitana è inaccessibile persino per chi ha buone gambe ma è stanco, vecchio o incinta
E i disabili che nonostante tutto questo provano ad integrarsi? Oltre alla fatica che un percorso del genere comporta (per esempio metter insieme cure e orario normale di lavoro) c’è il giudizio dei “normali” che ti guardano come un pazzo esagerato e quando diventi troppo competitivo incominciano a farti la guerra per salvaguardare la tua salute, per il tuo bene, per tutelare l’azienda.
Non accade sempre, per fortuna esistono contesti virtuosi, ma sono un’eccezione
Infine il #Covid_19 ha complicato ulteriormente le cose. Un solo esempio: sordi che non possono più leggere il labiale per via delle mascherine (che vanno indossate certo ma con una finestrella trasparente).
Potrei scrivere ancora ma mi fermo qui, forse vi ho già annoiato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Nico Piro

Provo a dare voce a chi non ha voce, non sempre ci riesco ma continuo a provarci. Sono un giornalista, inviato speciale lavoro per... continua a leggere

Il mio canale Vimeo

Il mio profilo Instagram

Error decoding the Instagram API json