Home Afghanistan Mi è stato assegnato il Premio Cutuli 2020

Mi è stato assegnato il Premio Cutuli 2020

Autore

Data

Categoria

Maria Grazia Cutuli
Maria Grazia Cutuli

Il 19 novembre di 19 anni fa veniva uccisa Maria Grazia Cutuli, in Afghanistan. Con lei morivano Julio Fuentes di El Mundo, assieme all’australiano Harry Burton e all’afghano Azizullah Haidari della Reuters.
La storia di Maria Grazia, che caparbiamente inseguiva la possibilità di diventare inviato al Corriere, è nota ed è stata raccontata tante volte ma resta importante anche 19 anni dopo con un mondo dei media completamente cambiato: la passione è alla base del giornalismo, la passione per la verità, la passione per andare dove accadono i fatti e raccontarli da vicino. E’ la stessa passione che il comune di Santa Venerina, dove Maria Grazia è sepolta, continua a dimostrare nell’organizzare il premio, in solitaria e con i propri mezzi.
Anche per questo, oltre che per il mio legame con l’Afghanistan, l’assegnazione del Premio Cutuli mi emoziona. Spero di continuare ad essere all’altezza di un mestiere che non è e mai deve essere associato all’idea di carriera perchè non è un lavoro come gli altri ma al servizio degli altri.

Ecco la motivazione:
“Per la sezione “stampa nazionale” il Premio è assegnato a Nico Piro, giornalista inviato del Tg3 impegnato negli anni su diverse aree di crisi e zone di guerra che si dice mosso – nella sua attività professionale – dal tentativo di “dare voce a chi non ha voce”. Piro, già pluripremiato per il suo lavoro più che trentennale, ha anche pubblicato diversi libri tra cui “Afghanistan: missione Incompiuta” del 2015 e “Corrispondenze Afghane”, del 2019 relativi proprio all’esperienza nel Paese in cui Maria Grazia Cutuli trovò la morte.

Nico Piro, tra l’altro, ha generosamente collaborato all’edizione 2016 del Premio Cutuli con una conduzione sobria ma capace di evidenziare le ragioni e la missione più profonda della professione giornalistica”.

Ecco il comunicato completo sull’edizione 2020 nell’attesa – a covid finito – di rivederci alle pendici dell’Etna per la cerimonia di premiazione e per portare un fiore sulla tomba di Maria Grazia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

a Sorobi, località famosa per la sua diga e il suo impianto

Articolo precedenteSono arrivate!
Articolo successivoIl potere che abbiamo in tasca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Nico Piro

Provo a dare voce a chi non ha voce, non sempre ci riesco ma continuo a provarci. Sono un giornalista, inviato speciale lavoro per... continua a leggere

Il mio canale Vimeo

Il mio profilo Instagram