HomeVarieIl Giro d'Afghanistan

Il Giro d’Afghanistan

Autore

Data

Categoria

Oggi è toccato a Kunduz. Un’autobomba è esplosa davanti ad una guest-house (tipico prodotto dell’Afghanistan post-2001, a metà tra una casa e una pensione, rigorosamente per occidentali). A morire sono stati i quattro afghani della sicurezza, gli ospiti occidentali (pare tutti security contractor di un’agenzia tedesca) sono riusciti a fuggire, mentre due ribelli facevano irruzione nella struttura dopo l’espolosione.

Nell’indifferenza ormai generale (almeno fino ad ieri, l’occidente digrignava i denti facendo la faccia feroce…) dal primo maggio scorso il giro dell’Afghanistan va avanti, ma non è quello ciclistico che pure hanno provato ad organizzare un paio di mesi fa. Questo è il giro della morte, l’offensiva di primavera che sta toccando tutto il Paese e che, per esempio, pochi giorni fa è costata la vita al sindaco di Kandahar o ha raso al suolo la presenza governativa nella capitale dell’Uruzgan.
I talebani stanno portando il terrore dovunque, ormai disinteressandosi dei militari stranieri un po’ perchè non potrebbero reggere il confronto diretto in casi di attacchi del genere un po’ perchè l’impressione è che ormai siano con un piede fuori dalla porta.

L’attacco di oggi mi ha molto colpito perchè, a livello simbolico, è un nuovo colpo ben assestato in questa campagna del terrore; perchè renderà ancora più difficile anche la vita degli occidentali (compresi cooperanti, medici, infermieri…), aprendo ad un nuovo giro di vite nelle misure di sicurezza e nelle vite blindate.
Kunduz era in fiore l’ultima volta che ci sono stato, era il 2008, ormai è nel caos come il resto del Paese. “Once peaceful north” ormai è l’etichetta utilizzata dalle agenzie internazionali quando parlano di quest’area, dove nel maggio scorso un kamikaze riuscì ad ammazzare il capo della polizia ed a ferire il comandante in capo delle truppe tedesche nella zona.
L’Afghanistan sta precipitando, il Paese è destinato a vivere altri anni buii.

Articolo precedenteE’ morto un fratello
Articolo successivoPlay Up and Play the Man!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Nico Piro

Provo a dare voce a chi non ha voce, non sempre ci riesco ma continuo a provarci. Sono un giornalista, inviato speciale lavoro per... continua a leggere