HomeVarie"Fare pace" con Emergency

“Fare pace” con Emergency

Autore

Data

Categoria

Emergency - Ospedale in Panshir
Emergency - Ospedale in Panshir np©07

Sabato e Domenica in molte piazze italiane (clicca qui e poi sulla mappa per conoscere quella a te più vicina) sarà possibile aiutare l’organizzazione di Gino Strada. Ne parlo non solo perchè sono un amico di Emergency e sono sicuro che ogni centesimo che arriva a questa organizzazione finisce dove deve finire, ovvero – in forme diverse – agli ammalati nei posti tra i peggiori del mondo; ma anche per il particolare impegno che Emergency ha in Afghanistan sia in aree ancora pacifiche (il Panshir) che nelle retrovie (Kabul) come in prima linea (la provincia di Helmand). Ecco il comunicato su questa iniziativa

La mia idea di pace. IO RIPUDIO LA GUERRA e sostengo Emergency.

“La nostra idea di pace” è da oltre 15 anni un progetto molto concreto: oltre 3 milioni e mezzo di persone curate in ospedali, centri chirurgici, pediatrici e di riabilitazione che Emergency ha costruito e che gestisce per garantire assistenza medico-chirurgica gratuita e altamente specializzata alle popolazioni dei paesi colpiti dalla guerra e dalla povertà.

Se questa idea di pace è anche la tua, puoi sostenerla con la tessera di Emergency.
Contribuirai così a dare attuazione a un diritto umano fondamentale – il diritto alla cura – e diventerai sostenitore e testimone di un progetto di pace possibile e reale.

Puoi fare la tessera di Emergency con una donazione di € 30 – € 20 sotto i 25 anni e oltre i 65.

La tessera di Emergency dà inoltre diritto a ottenere sconti e facilitazioni presso librerie, teatri, gallerie d’arte in tutta Italia.

Il 24 e il 25 ottobre potrai fare la tessera presso i banchetti di Emergency in 200 piazze italiane.
La tessera ha validità da gennaio a dicembre dell’anno in corso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Nico Piro

Provo a dare voce a chi non ha voce, non sempre ci riesco ma continuo a provarci. Sono un giornalista, inviato speciale lavoro per... continua a leggere