HomeVarieSe il mobile journalism germoglia

Se il mobile journalism germoglia

Autore

Data

Categoria

tg-agenzia-direLa notizia mi arriva da Facebook (con tag) ed è bellissima: l’agenzia di stampa DIRE sta realizzando il suo tg sulle notizie di Roma e del Lazio, con gli strumenti del mobile journalism. E’ un passo reso possibile grazie ad uno dei corsi che ho tenuto con Enrico Farro, dell’Associazione Italiana Filmaker, a Stampa Romana.
Il giornalismo è in crisi ma paradossalmente non è in crisi la voglia di notizie, è tale che – a pensarci bene – alimenta persino il consumo di fake news in territorio lasciati senza presidio dai giornalisti.
Il giornalismo è in crisi pur in un’epoca di enormi occasioni di “trasmissione” e “condivisione” e resterà in crisi se non esplorerà nuovi strumenti e nuove forme. Il mobile journalism è una di queste opportunità perchè non solo offre strumenti a basso budget ma, soprattutto, strumenti adatti a diffondere prodotti nativi per le nuove forme di fruizione delle notizie.
Lo sforzo di Stampa Romana e del segretario Lazzaro Pappagallo di offrire corsi che esplorano nuove declinazioni del giornalismo è encomiabile, io continuo a non credere che mi abbia dato l’occasione di fare un corso (ormai siamo arrivati al quarto, compreso la novità dell’avanzato che si tiene il 27 e 28 febbraio prossimi) mentre – era la fine del 2015 – farneticavo di smartphone per le video notizie e molti ancora credevano che dalla dimensione della telecamera dipendesse la qualità dell’informazione.

 

Articolo precedenteLa radio ne parla
Articolo successivoTeramo, 46

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Nico Piro

Provo a dare voce a chi non ha voce, non sempre ci riesco ma continuo a provarci. Sono un giornalista, inviato speciale lavoro per... continua a leggere